BARENA

Del palùo l’erba tòcia in qualche vena

d’aqua, torziando qua e là, salada,

e come fa i putèi la se reména,

la sgròngola, muàndo corso e vada.

 

D’anguèle e schìe de poca se fa piena

la pansa na marmàgia imboressada

de ozèi, co vòze sgnànfa de chi pèna,

e l’aria pàr na s-cianta spaventada.

 

Sta barena verdìza, ma no fruta,

sta selvàdega tèra no ga gnente

che possa darghe un segno d’importansa.

 

Qua bestiòle ghe ne zé in abondansa,

e zé mègio cussì, chè qua la zente

starìa ben se la fusse òrba e muta.

 

BARENA
L’erba palustre si emerge in qualche rivolo d’ acqua salsa,
girovagando, e come fanno i ragazzini, si avvoltola, gorgoglia,
cambiando direzione e strrada. Una marmaglia divertita di
volatili, con voce penosa, di colpo si riempie la pancia di pesci
argentini e di squille, e l’aria sembra un po spaventata. Questa
barena è verdeggiante, ma non dà frutto, questa terra selvatica
non ha niente che possa renderla importante. Qui ci sono
bestiole in abbondanza, ed è meglio così, perchè qui starebbe
bene la gente se fosse cieca e muta.